NUOVAVIA ONLUS: iniziano i corsi di autosufficienza

autosufficienza

A Mogliano Veneto, parte un progetto sociale innovativo con sede a Bonisiolo nell’ex azienda agricola Callegari «Serve tornare a fare la legna, coltivare l’orto, risparmiare elettricità, riscoprire mestieri tradizionali»

Uno spazio: quello dell’ex azienda agricola Callegari di Bonisiolo. Un’idea: quella che i saperi di un tempo, rivolti all’orticoltura, alla silvicoltura e all’alimentazione a chilometri zero possano diventare strumento per reimparare a vivere in “autosufficienza” con vantaggi particolari per chi, in questo momento di crisi, fatica a far tornare i conti e a pensare al futuro. La risorsa potrebbero essere proprio i saperi dei nostri nonni.

Facile pensare: solito carrozzone politico. Niente vero: l’idea e i fondi per il progetto “Nuova Via” che verrà presentato lunedì 30 a Bonisiolo vengono dai privati, tra i quali ben figura Manuele Malenotti, ex padrone della Belstaff nonchè ex fidanzato di Lola Ponce. A coltivare (mai termine fu più appropriato) l’idea è stato invece Tiziano Spigariol, cultore di tradizioni e usi veneti, fabbricante di tabarri e molto altro. «Autosufficienza – spiega – nei periodi di crisi significa anche contributo importante al proprio reddito, che può aiutare a superare le difficoltà dell’individuo e della famiglia. Autosufficienza è non solo salubrità del vivere naturale, ma anche risparmio sociale di costi, con l’utilizzo di sistemi energetici puliti e con riduzione dell’inquinamento legato ai trasporti».

Il disegno è complesso ma costituisce una filiera perfetta: si va dall’insegnamento dei saperi all’orticoltura e l’allevamanto. Da questi ai mestieri legati alle risorse della terra, alla cucina e all’artigianato conserviero. I corsi spaziano dall’Orticoltura alla conservazione del prodotto agricolo, dalla preparazione di composte e confetture a quella di pane, dolci e biscotti. S’insegna anche l’antico “far legna”, ovvero le regole di raccolta della legna. I corsi – che si tengono nelle strutture murarie dell’ex azienda agricola – riguardano anche l’allevamento di animali da cortile, bovini e ovini, cucina tradizionale e naturale, autosufficienza energetica.

Le collaborazioni di cui si avvale il progetto sociale Nuova Via sono del Comune di Mogliano, della Provincia, della Regione, della Coldiretti, delle università e della comunità europea per quanto riguarda l’istruzione e la riqualificazione.

Accanto ai fabbricati dell’azienda agricola, sorgeranno gli orti, i cui prodotti verranno venduti in loco a privati cittadini e con il sistema on-line denominato “L’Orto di casa tua”. Il ricavato servirà all’autofinanziamento del progetto.

Ma, sempre negli spazi dell’ex Azienda Callegari, troverà posto pure un servizio di ristorazione che permetterà la degustazione della produzione “in loco” e dei cibi tradizionali. Sono previste anche collaborazione e gemellaggi con altre regioni.

Gli spazi sono importanti e consentono di progettare con misure altrettanto consistenti.

Articolo di: Antonio Frigo
Fonte articolo: tribunatreviso.it
Fonte immagine: macrolibrarsi.it